APE SOCIAL e DIS-COLL

Condividiamo consigli e modalità per inoltrare la domanda Ape Social 2017 e 2018

Moderatori: onir201, vinbast, silvestro53, oTTovonkraun, Giorgio64

Rispondi
anto
UTENTE STARTER
UTENTE STARTER
Messaggi: 7
Iscritto il: ven 2 mar 2018, 11:50

APE SOCIAL e DIS-COLL

Messaggio da anto » ven 8 giu 2018, 18:04

Buongiorno, mi chiamo Maria. Avrò 63 anni a novembre (2018). Lavoro dal 1974 ed ho accumulato 31 anni di contribuzione. Ecco la mia situazione, alla quale non ho ancora trovato una risposta certa:

. ho lavorato come dipendente dal 1974 al 2005, poi licenziata per chiusura azienda
.
(iscritta alla gestione separata dal 1,10.2005)

dal 2005 al 2012 contratto a progetto part time (docente presso scuola privata)

dal 1.10.2013 al 31.5. 2014 contratto a tempo determinato (stessa scuola, stesse mansioni)

dal 1.12.2014 al 31.5.2015 contratto a progetto part-time (stessa scuola, stesse mansioni), settimane di lavoro inferiori a 6 mesi, per il quale ho percepito indennità DIS.COLL.

Presso il Centro Impiego del mio territorio risulto disoccupata dal 2005, con nota: SI MANTIENE ANZIANITA' PER NON SUPERAMENTO DEL REDDITO LEGALE.

Ho quindi presentato on line domanda Requisito APE SOCIALE in data 12 gennaio 2018 e domanda anticipo Pensione (Ape Sociale) a marzo 2018.

Le mie domande risultano entrambe "giacenti" e non ho ricevuto altre notizie finora. Alle domande ho allegato copia ultimo contratto a progetto e DID.

Posso sperare di ricevere una risposta positiva da INPS. Devo allegare altri documenti?

Grazie mille per una risposta o opinione!



Avatar utente
CesarinaBIS
ORACOLO
ORACOLO
Messaggi: 265
Iscritto il: gio 21 dic 2017, 11:32

Re: APE SOCIAL e DIS-COLL

Messaggio da CesarinaBIS » ven 8 giu 2018, 22:11

anto ha scritto:
ven 8 giu 2018, 18:04
Buongiorno, mi chiamo Maria. Avrò 63 anni a novembre (2018). Lavoro dal 1974 ed ho accumulato 31 anni di contribuzione. Ecco la mia situazione, alla quale non ho ancora trovato una risposta certa:

. ho lavorato come dipendente dal 1974 al 2005, poi licenziata per chiusura azienda
.
(iscritta alla gestione separata dal 1,10.2005)

dal 2005 al 2012 contratto a progetto part time (docente presso scuola privata)

dal 1.10.2013 al 31.5. 2014 contratto a tempo determinato (stessa scuola, stesse mansioni)

dal 1.12.2014 al 31.5.2015 contratto a progetto part-time (stessa scuola, stesse mansioni), settimane di lavoro inferiori a 6 mesi, per il quale ho percepito indennità DIS.COLL.

Presso il Centro Impiego del mio territorio risulto disoccupata dal 2005, con nota: SI MANTIENE ANZIANITA' PER NON SUPERAMENTO DEL REDDITO LEGALE.

Ho quindi presentato on line domanda Requisito APE SOCIALE in data 12 gennaio 2018 e domanda anticipo Pensione (Ape Sociale) a marzo 2018.

Le mie domande risultano entrambe "giacenti" e non ho ricevuto altre notizie finora. Alle domande ho allegato copia ultimo contratto a progetto e DID.

Posso sperare di ricevere una risposta positiva da INPS. Devo allegare altri documenti?

Grazie mille per una risposta o opinione!
Signora Maria
è stata molto chiara e la sua situazione a mio parere è molto complessa.
Purtroppo secondo me la dis-coll è una indennità per i collaboratori e non rientra fra le categorie previste dall'APE ovvero lavoratori a tempo indeterminato o determinato.
Ma dopo il contratto a tempo determinato ha ricevuto l'ASPI?
E dopo il contratto a tempo indeterminato ha ricevuto l'ASPI?
Secondo me lei può fare riferimento al termine del contratto a tempo determinato ignorando la diss-coll, deve comunque avere 18 mesi di lavoro dipendente nei tre anni precedenti al termine del tempo determinato ovvero torni indietro dal 31-5-2014 di tre anni e valuti estratto conto alla mano se ha 18 mesi di lavoro.
In questo caso deve immediatamente presentare nuova domanda di accertamento dei requisiti con il contratto a tempo determinato.
Tenga presente che può presentare anche due o tre domande di accertamento ma sempre UNA SOLA domanda di accesso altrimenti gliela annullano per duplicazione.
Si faccia magari consigliare da un buon patronato o da un legale esperto ma si affretti ed eventualmente presenti la domanda di certificazione entro il 15 luglio.
La domanda di accesso all'APE è sempre meglio presentarla appena riceve la conferma da parte dell'INPS.
In bocca al lupo
Saluti



anto
UTENTE STARTER
UTENTE STARTER
Messaggi: 7
Iscritto il: ven 2 mar 2018, 11:50

Re: APE SOCIAL e DIS-COLL

Messaggio da anto » sab 9 giu 2018, 12:39

Buongiorno e grazie per la risposta. Purtroppo non ricordo di aver ricevuto Naspi o Aspi e non ho lavorato 18 mesi come dipendente prima del 2014. Inoltre, proprio ieri ho verificato sulla App mobile di inps lo stato delle mie domande e, nella sezione "Esito domande di pensione" compare la dicitura "no diritto" alla domanda di verifica requisito APE. Capisco la sua risposta ma non capisco perché la Dis.Coll non può essere considerata un ammortizzatore sociale a tutti gli effetti. Non ho trovato una risposta nei requisiti richiesti per ape sociale che sono, a mio avviso alquanto nebulosi e fatti per scoraggiare più che per aiutare i più deboli. Allora è davvero finita così per me. Non riesco a capacitarmi e sono molto amareggiata. Non conta nemmeno il fatto che il Centro Impiego mi abbia mantenuto uno stato di disoccupazione in tutti questi anni (per non raggiungimento reddito legale)? E poi, ora cosa succede? Riceverò una comunicazione scritta con la motivazione? Qualcuno è nella mia stessa situazione? Grazie mille per ogni risposta



Avatar utente
CesarinaBIS
ORACOLO
ORACOLO
Messaggi: 265
Iscritto il: gio 21 dic 2017, 11:32

Re: APE SOCIAL e DIS-COLL

Messaggio da CesarinaBIS » sab 9 giu 2018, 21:22

anto ha scritto:
sab 9 giu 2018, 12:39
Buongiorno e grazie per la risposta. Purtroppo non ricordo di aver ricevuto Naspi o Aspi e non ho lavorato 18 mesi come dipendente prima del 2014. Inoltre, proprio ieri ho verificato sulla App mobile di inps lo stato delle mie domande e, nella sezione "Esito domande di pensione" compare la dicitura "no diritto" alla domanda di verifica requisito APE. Capisco la sua risposta ma non capisco perché la Dis.Coll non può essere considerata un ammortizzatore sociale a tutti gli effetti. Non ho trovato una risposta nei requisiti richiesti per ape sociale che sono, a mio avviso alquanto nebulosi e fatti per scoraggiare più che per aiutare i più deboli. Allora è davvero finita così per me. Non riesco a capacitarmi e sono molto amareggiata. Non conta nemmeno il fatto che il Centro Impiego mi abbia mantenuto uno stato di disoccupazione in tutti questi anni (per non raggiungimento reddito legale)? E poi, ora cosa succede? Riceverò una comunicazione scritta con la motivazione? Qualcuno è nella mia stessa situazione? Grazie mille per ogni risposta
Salve
purtroppo il problema non è la dis-coll che non sia considerata un ammortizzatore sociale ma il fatto che è un ammortizzatore sociale concesso dopo un lavoro non subordinato. Per avere l'APE occorre essere disoccupati da contratto a tempo indeterminato o determinato.
Il fatto che non ricordi se ha avuto l'ASPI non è un grave problema in quanto è sufficiente che controllo il suo estratto conto e troverà se ha avuto ASPI e per quanto tempo e con quanti contributi.
Del resto se è stata licenziata come può non aver chiesto l'ASPI?
Solo se ha avuto l'ASPI può sperare riferendosi a quel contratto... altrimenti purtroppo niente APE.
Il suo stato di disoccupazione certo che conta ma ripeto DEVE aver ricevuto l'ASPI.
Saluti



Rispondi