18 mesi lavorativi o contributivi?

Discussioni sui requisiti anagrafici, contributivi, familiari e status occupazionale dei richiedenti.

Moderatori: silvestro53, onir201, vinbast, Giorgio64, oTTovonkraun

Rispondi
Bmariolina
UTENTE PREMIUM
UTENTE PREMIUM
Messaggi: 10
Iscritto il: mar 30 giu 2020, 8:01

18 mesi lavorativi o contributivi?

Messaggio da Bmariolina » gio 2 lug 2020, 10:54

Buongiorno, vi chiedo se possibile delucidazioni in merito, mi è stata respinta la domanda requisiti per il seguente motivo, così scrive l'inps: non aver fruito integralmente di disoccupazione, a condizione che abbia avuto nei 36 mesi precedenti la cessazione di rapporto a tempo determinato periodi di lavoro dipendente per almeno 18 mesi.
Ultimo giorno di naspi pagato il 1 gennaio, nell'estratto conto fascicolo del cittadino sono presenti 78 settimane.
L'impiegato dell'INPS dice che vengono calcolati i sabati, essendo lavoratore stagionale ogni anno vengo licenziata prima del sabato, percui calcolato così di sabati ne avrei persi parecchi negli anni.
L'impiegata del patronato dice che essendo a lavoro part time e il primo mese di ogni stagione vengo assunta per sole 2 ore giornaliere, non raggiungo il minimo contributivo settimanale, mi chiedo, per avere il numero di settimane il minimo si calcola settimana per settimana o si tiene conto della retribuzione totale dell'anno e si divide per il minimo settimanale ?
Avendo già 30 di contributi i 18 mesi lavorativi devono essere anche contributivi?
Mi scuso per essermi dilungata e vi ringrazio se avrete delle risposte da darmi.
Buonagiornata
Ultima modifica di Bmariolina il gio 2 lug 2020, 14:11, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 1294
Iscritto il: ven 13 ott 2017, 13:48

Re: 180 giorni lavorativi o contributivi?

Messaggio da vinbast » gio 2 lug 2020, 11:56

Bmariolina ha scritto:
gio 2 lug 2020, 10:54
Buongiorno, vi chiedo se possibile delucidazioni in merito, mi è stata respinta la domanda requisiti per il seguente motivo, così scrive l'inps: non aver fruito integralmente di disoccupazione, a condizione che abbia avuto nei 36 mesi precedenti la cessazione di rapporto a tempo determinato periodi di lavoro dipendente per almeno 18 mesi.
Ultimo giorno di naspi pagato il 1 gennaio, nell'estratto conto fascicolo del cittadino sono presenti 78 settimane.
L'impiegato dell'INPS dice che vengono calcolati i sabati, essendo lavoratore stagionale ogni anno vengo licenziata prima del sabato, percui calcolato così di sabati ne avrei persi parecchi negli anni.
L'impiegata del patronato dice che essendo a lavoro part time e il primo mese di ogni stagione vengo assunta per sole 2 ore giornaliere, non raggiungo il minimo contributivo settimanale, mi chiedo, per avere il numero di settimane il minimo si calcola settimana per settimana o si tiene conto della retribuzione totale dell'anno e si divide per il minimo settimanale ?
Avendo già 30 di contributi i 18 mesi lavorativi devono essere anche contributivi?
Mi scuso per essermi dilungata e vi ringrazio se avrete delle risposte da darmi.
Buonagiornata
La circolare Inps n. 34/2018 al punto 2 testualmente dice:
A decorrere dal 1° gennaio 2018, pertanto, possono presentare domanda di riconoscimento
delle condizioni per l’accesso al beneficio dell’APE sociale, anche coloro che siano in stato di
disoccupazione a seguito di scadenza del termine del rapporto di lavoro a tempo determinato,
a condizione che abbiano avuto, nei trentasei mesi precedenti la cessazione del rapporto,
periodi di lavoro dipendente per almeno diciotto mesi ed abbiano concluso, da almeno tre
mesi, di godere della prestazione di disoccupazione loro spettante.
L’arco temporale dei trentasei mesi entro cui individuare i diciotto mesi di rapporto di lavoro
dipendente decorre, a ritroso, dalla data di scadenza del rapporto di lavoro a tempo
determinato da ultimo svolto al momento della domanda di verifica delle condizioni e sulla
base della quale il soggetto chiede di poter beneficiare dell’APE sociale.

Come si può notare, si parla di periodo di lavoro dipendente a tempo determinato e non si fa riferimento a settimane di contributi.
Purtroppo, quando la normativa si esprime in modo generico, si presta alle più disparate interpretazioni e l'Inps, in genere, opta per quella più restrittiva.



Bmariolina
UTENTE PREMIUM
UTENTE PREMIUM
Messaggi: 10
Iscritto il: mar 30 giu 2020, 8:01

Re: 180 giorni lavorativi o contributivi?

Messaggio da Bmariolina » gio 2 lug 2020, 13:17

La ringrazio per aver risposto
Io ho fatto domanda di riesame, anche se l'impiegata del patronato non era d'accordo, ho allegato tutti i contratti di lavoro e relative proroghe, c'è altro che potrei fare?



Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 1294
Iscritto il: ven 13 ott 2017, 13:48

Re: 180 giorni lavorativi o contributivi?

Messaggio da vinbast » gio 2 lug 2020, 13:28

Bmariolina ha scritto:
gio 2 lug 2020, 13:17
La ringrazio per aver risposto
Io ho fatto domanda di riesame, anche se l'impiegata del patronato non era d'accordo, ho allegato tutti i contratti di lavoro e relative proroghe, c'è altro che potrei fare?
Dopo l'eventuale rigetto della domanda di riesame si potrebbe fare ricorso, ma sarebbe necessario affidarsi ad un patronato o avvocato competente nella materia specifica.
Qui alcuni riferimenti utili: https://www.leggioggi.it/2019/08/14/err ... e-ricorsi/



Bmariolina
UTENTE PREMIUM
UTENTE PREMIUM
Messaggi: 10
Iscritto il: mar 30 giu 2020, 8:01

Re: 180 giorni lavorativi o contributivi?

Messaggio da Bmariolina » gio 2 lug 2020, 13:45

La ringrazio, non mi aspettavo una risposta così veloce 😊
Mi scusi se approfitto ancora
La domanda l'ho presentata il 13.03.2020
Data licenziamento 24.09.2019
2017 assunta 03.04 licenziata 25.09
2018 " 03.04 " 27.09
2019 " 03.03 " 24.09
Pensa che posso contare su 18 mesi lavorativi?
Grazie ancora, purtroppo è un periodo difficile, sono lavoratore stagionale del turismo, lavoro non c'è, salute poca, speravo di poter poter contare in questa pensione..



Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 1294
Iscritto il: ven 13 ott 2017, 13:48

Re: 180 giorni lavorativi o contributivi?

Messaggio da vinbast » gio 2 lug 2020, 16:25

Bmariolina ha scritto:
gio 2 lug 2020, 13:45
La ringrazio, non mi aspettavo una risposta così veloce 😊
Mi scusi se approfitto ancora
La domanda l'ho presentata il 13.03.2020
Data licenziamento 24.09.2019
2017 assunta 03.04 licenziata 25.09
2018 " 03.04 " 27.09
2019 " 03.03 " 24.09
Pensa che posso contare su 18 mesi lavorativi?
Grazie ancora, purtroppo è un periodo difficile, sono lavoratore stagionale del turismo, lavoro non c'è, salute poca, speravo di poter poter contare in questa pensione..
Nel caso specifico, sommando i periodi di lavoro a tempo determinato si ottiene il valore di 526 giorni mentre dovrebbero essere necessari almeno 548 giorni per rispettare la tempistica prevista nella circolare Inps n. 34/2018, che prevede almeno 18 mesi di lavoro negli ultimi 3 anni, conteggiati a ritroso dalla data di licenziamento.
Purtroppo, mancherebbero solo 22 giornate per accedere al beneficio.
Probabilmente è questo il motivo del rigetto della domanda di verifica dei requisiti da parte dell'Inps.



Bmariolina
UTENTE PREMIUM
UTENTE PREMIUM
Messaggi: 10
Iscritto il: mar 30 giu 2020, 8:01

Re: 18 mesi lavorativi o contributivi?

Messaggio da Bmariolina » gio 2 lug 2020, 16:54

La ringrazio, vediamo cosa rispondono alla domanda di riesame, ma almeno così ho avuto una risposta sicura ai miei dubbi.
Averlo saputo per tempo forse avrei potuto versare dei contributi.
Ancora grazie, 😊



Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 1294
Iscritto il: ven 13 ott 2017, 13:48

Re: 18 mesi lavorativi o contributivi?

Messaggio da vinbast » gio 2 lug 2020, 19:10

Bmariolina ha scritto:
gio 2 lug 2020, 16:54
La ringrazio, vediamo cosa rispondono alla domanda di riesame, ma almeno così ho avuto una risposta sicura ai miei dubbi.
Averlo saputo per tempo forse avrei potuto versare dei contributi.
Ancora grazie, 😊
Purtroppo nel suo caso è un problema di durata del rapporto di lavoro a tempo determinato più che di contributi e mancherebbe meno di un mese per avere diritto al beneficio.



Bmariolina
UTENTE PREMIUM
UTENTE PREMIUM
Messaggi: 10
Iscritto il: mar 30 giu 2020, 8:01

Re: 18 mesi lavorativi o contributivi?

Messaggio da Bmariolina » ven 3 lug 2020, 7:37

Si ha ragione, me ne sono resa conto più tardi, giustamente si parlava di giorni lavorativi e non contributivi, trovo cmq discriminante che a parità dei 30 contributivi a me che ho avuto la sfortuna di aver lavorato meno di 18 mesi negli ultimi 3 anni venga negata la pensione mentre è concessa a chi ha lavorato di più, visto che uno dei requisiti è essere disoccupati, io lo sono stata per più tempo.
Ancora grazie e buonagiornata



Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 1294
Iscritto il: ven 13 ott 2017, 13:48

Re: 18 mesi lavorativi o contributivi?

Messaggio da vinbast » ven 3 lug 2020, 8:56

Bmariolina ha scritto:
ven 3 lug 2020, 7:37
Si ha ragione, me ne sono resa conto più tardi, giustamente si parlava di giorni lavorativi e non contributivi, trovo cmq discriminante che a parità dei 30 contributivi a me che ho avuto la sfortuna di aver lavorato meno di 18 mesi negli ultimi 3 anni venga negata la pensione mentre è concessa a chi ha lavorato di più, visto che uno dei requisiti è essere disoccupati, io lo sono stata per più tempo.
Ancora grazie e buonagiornata
Purtroppo, l'Ape social era stata concepita come misura che avesse un impatto non elevato sulle casse dello stato.
Come tale, in una prima stesura del provvedimento, non era prevista affatto la possibilità di accedervi per coloro che avessero chiuso la propria carriera lavorativa con un contratto a tempo determinato.
In seguito ciò è stato emendato, ma le restrizioni e le discriminazioni sono ancora tante.



claudiom57
NEW ENTRY
NEW ENTRY
Messaggi: 1
Iscritto il: dom 22 nov 2020, 11:37

Re: 18 mesi lavorativi o contributivi?

Messaggio da claudiom57 » dom 22 nov 2020, 17:01

Buonasera, ho avuto rapporti di lavoro a tempo determinato, rispettivamente :
Dal 19/03/2018 al 31/10/2018
Dal 06/05/2019 al 06/09/2019
Dal 20/04/2020 al 28/08/2020.
Vorrei sapere quanto tempo manca ancora, per raggiungere il requisito dei 18 mesi lavorati negli ultimi 36.
Grazie per la risposta.



Avatar utente
vinbast
MODERATORE
MODERATORE
Messaggi: 1294
Iscritto il: ven 13 ott 2017, 13:48

Re: 18 mesi lavorativi o contributivi?

Messaggio da vinbast » lun 23 nov 2020, 12:58

claudiom57 ha scritto:
dom 22 nov 2020, 17:01
Buonasera, ho avuto rapporti di lavoro a tempo determinato, rispettivamente :
Dal 19/03/2018 al 31/10/2018
Dal 06/05/2019 al 06/09/2019
Dal 20/04/2020 al 28/08/2020.
Vorrei sapere quanto tempo manca ancora, per raggiungere il requisito dei 18 mesi lavorati negli ultimi 36.
Grazie per la risposta.
Sarebbe necessario aggiungere almeno due mesi e mezzo di attività per rientrare nella norma che attualmente prevede di aver maturato 18 mesi di lavoro negli ultimi 36.



Rispondi